domenica 20 maggio 2012

Birdwatching urbano

A volte si pensa che per fare Birdwatching bisogna frequentare particolari zone, questo è vero solo in parte, con questa breve serie di immagini vi propongo quanto in un comune giardino pubblico, si possano osservare e fotografare diverse specie di uccelli.

Il Piccione domestico: questa specie allevata dall’uomo da tempi memorabili ad oggi è quasi considerata estinta allo stato selvatico, per capire se si tratta di un Piccione selvatico si deve esclusivamente analizzare il suo DNA.


La Cornacchia grigia Corvus cornix è tra gli uccelli meglio adattati all’urbanizzazione. È capace di vivere in città senza alcun problema e di trovare il cibo in ogni luogo. È abituata alla presenza dell'uomo mantenendo il suo stato selvatico. 


Il Passero d'Italia Passer italiae è una specie gregaria, rappresenta uno dei più sorprendenti casi di adattamento tra gli uccelli, riuscendo a sfruttare gli edifici per nidificare. In città è piuttosto confidente, mentre nelle campagne è più guardingo e sospettoso. Un tempo il Passero d’Italia era una specie molto comune, purtroppo negli ultimi 30 anni ha subito una diminuzione del 50% del numero totale. Le cause principali ipotizzate sono: inquinamento atmosferico, uso eccessivo di pesticidi ed espansione urbanistica, nonché l'accumulo di metalli pesanti e altre sostanze chimiche negli uccelli.

Il Merlo Turdus merula è tra i passeriformi il più diffuso in Europa e in Italia, è infatti comune sul tutto il territorio europeo ad esclusione della Scandinavia settentrionale, inoltre è presente in Asia, in Africa nord-occidentale, nelle Canarie e nelle Azzorre.


Durante la stagione invernale, alcune popolazioni nordiche di Merlo migrano verso sud, mentre nelle zone temperate come l'Italia sono presenti tutto l'anno. Nei giardini urbani il Merlo è una specie facilmente osservabile e abbastanza confidente contrariamente a quanto accade nelle zone boschive dove mantiene un carattere molto sospettoso.
 

Il Fringuello Fringilla coelebs, è un uccello molto comune. Generalmente è presente nei boschi, nei campi, nei frutteti e ovunque ci sia della vegetazione, è diffuso in tutta Italia e in gran parte d'Europa. 


Il Cardellino Carduelis carduelis, è un uccello appartenente alla famiglia dei fringillidi, il suo nome deriva dal cardo, pianta dei cui semi questi uccelli sono ghiotti.


Se gli uccelli sopra descritti nei parchi urbani sono facilmente osservabili, vi propongo una specie comune ma molto elusiva, sto parlando del Fiorrancino Regulus ignicapillus. Regolo e Fiorrancino sono tra i più piccoli uccelli italiani.


Fino ad ora abbiamo parlato di specie presenti tutto l’anno nei parchi cittadini, ma in questo periodo nei nostri giardini sono arrivati nuovi colonizzatori provenienti dall’Africa che nidificano da noi per poi ripartire nel mese di settembre; mi sto riferendo al Codirosso e al Pigliamosche.

Un maschio di Codirosso Phoenicurus phoenicurus intento a cantare per delimitare il suo territorio.



Il Pigliamosche Muscicapa striata, ha l’abitudine di utilizzare un posatoio dove attende il passaggio di ignari insetti volanti che vengono abilmente catturati in volo colti alla sprovvista.



Nessun commento:

Posta un commento