martedì 13 ottobre 2015

Appuntamento con l’autunno: l’alpe Ventina

Con l’autunno la vegetazione cambia abito e i boschi assumono le calde tonalità tipiche di questa stagione. Si tratta di un’occasione da non perdere e di un stimolo per regalarsi una giornata all’aria aperta. Su questo blog in passato sono già stati proposti facili percorsi, alla portata di tutti (LINK e LINK), per godersi questo momento magico ed oggi la meta proposta è in Valmalenco (SO): si parte da Chiareggio, frazione di Chiesa Valmalenco (SO) per raggiungere i contigui rifugi Gerli-Porro e la bella alpe Ventina posizionata in uno splendido scenario di alta montagna.2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_002

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_003

 

 

 

 

 

 

Baite nei pressi di Chiareggio

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_012

l nostro percorso, riconducibile alla filosofia “Itinerari del camminare piano” parte dalla piccola località Chiareggio
(m. 1612), dove in poco più di un’ora, una comoda strada sterrata ci porta ai rifugi Gerli-Porro. Questo percorso ha inizio nelle vicinanze della chiesetta di Chiareggio dedicata a Sant’Anna.

 

Chiesa dedicata a Sant’ Anna


Un brevissimo tratto di sentiero ci conduce al ponte sul torrente Mallero e sull’ampia mulattiera che ci porta direttamente alla meta.

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_025

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_015

 

 

 

 

 

 

Tratto del comodo sentiero per il Rifugio Gerli-Porro. In questa stagione al mattino gran parte del tracciato di fondovalle è pressoché in ombra e si avverte una fresca temperatura.

 

 

 

 

Il percorso sulla destra del torrente si sviluppa in gran parte nel bosco con alcuni scorci tra la vegetazione sul versante opposto della valle e su alcune cime: tra queste il Monte Forno (3214m), Cima di Rosso (3366) e Cima di Vazzeda (3301).

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_027

 

Monte Forno (3214)

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_043

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cima di Rosso (3366) Cima di Vazzeda (3301)

 

Il giallo inteso dei larici risalta ai raggi del sole.

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_153

 

 

 

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_053

 

 

 

 

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_150

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La mulattiera sale in quota e, nei pressi dei rifugi Gerli-Porro, si fa un po’ più sassosa.2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_152

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_062

 

I rifugi Gerli-Porro del CAI Milano (1965 metri). Si tratta di due rifugi contigui: il primo fu edificato nel 1936 e intitolato a Augusto Porro, alpinista travolto da una slavina sul Piz Corvatsch insieme alla sorella Lisetta nel 1935. Il secondo, di epoca più recente inaugurato nel 1992, fu edificato per volere della Signora Maria Rota Gerli, in ricordo del marito Amerigo.

 

 

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_071

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_077

 

Nei pressi dei rifugi Gerli-Porro sorge una cappelletta dedicata ai caduti in montagna. Sono visibili anche le indicazioni per il sentiero glaciologico Vittorio Sella, percorso molto interessante e di facile accesso ma di cui parleremo più approfonditamente un’altra volta.

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_073

 

 

 

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_099

 

 

 

 

 

Una delle targhe poste ad indicare dove arrivava il fronte del ghiacciaio.

 

Con l’arrivo al rifugio termina il tratto in salita e il sentiero ora panneggiante, attraversa un’ampia valle: siamo all’inizio dell’Alpe Ventina e al rifugio Ventina (m. 1975). 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_136

Baite all’alpe Ventina

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_134

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_083

 

 

 

 

 

 

Rifugio Ventina

 

 

 

Il pianoro dell’Alpe Ventina è circondato da vette importanti come le cime del Duca, Rachele, Sassarsa, Giumellini e Cassandra. Il Monte Disgrazia, la Punta Kennedy e il Pizzo Ventina.

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_110

l fronte del ghiacciaio Ventina

Alcune immagini della suggestiva grande piana morenica occupata fino a poco tempo fa dal ghiacciaio Ventina.

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_082

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_107

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_118

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_104

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_081

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_160

Lasciata l’alpe e i vari rifugi rientriamo percorrendo parte del sentiero fino alla deviazione “Forbesina”. Il sentiero scende velocemente verso il greto del fiume e, attraversato il torrente, raggiungiamo la caratteristica alpe Forbesina da cui una larga strada sterrata ci ricondurrà a Chiareggio.

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_166

 

 

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_170

 

 

 

 

 

 

 

 

Tratto del sentiero verso l’alpe Forbesina

 

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_175

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_198

 

 

Baite all’alpe Forbesina

 

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_235

 

 

 

 

 

 

 

L’ampia strada che conduce a Chiareggio

 

 


Punto di partenza è Chiareggio, noto centro di villeggiatura e perla dell'alta Valmalenco che dista 14 km da Chiesa Valmalenco e 28 km da Sondrio.

mappa LINK

2015-10-11_Chiareggio-Porro_Valmalenco_005

Nessun commento:

Posta un commento