mercoledì 5 settembre 2012

Gli abitanti delle zone umide: i Rallidi.

Le zone umide sono ambienti ad elevata biodiversità e rappresentano l’habitat elettivo per numerose specie vegetali e animali poiché in esse è rilevante la presenza di risorse alimentari e nello stesso tempo offrono condizioni favorevoli per il rifugio. In particolare, per gli uccelli, le aree umide costituiscono una delle principali aree di nidificazione, svernamento e sosta durante le migrazioni.

Il Lago di Pusiano, situato tra le provincie di Como e Lecco, costituisce per l’avifauna un’importante zona umida di acqua dolce. Oltre agli uccelli stanziali in questo importante habitat durante la migrazione si possono osservare altri visitatori quali ad esempio, anatidi, limicoli, ardeidi e rallidi. Proprio quest’ultima famiglia, i Rallidi, è tema del post odierno, a seguito di una fortunata giornata nella quale ho potuto osservare questi elusivi uccelli.
Ambiente tipico dei Rallidi.
I Rallidi sono una famiglia di uccelli appartenete all’ordine dei Gruiformi che comprende numerose specie caratteristiche degli ambienti umidi e di palude. Questa famiglia in Italia è rappresentata da diverse specie tra le quali: il Porciglione, il Voltolino, la Gallinella d’acqua, la Schiribilla, la Schiribilla grigiata, la Folaga, il Re di quaglie e il Pollo sultano. Per quanto riguarda la loro presenza sul territorio si può dire che la Schiribilla grigiata è molto rara in Italia, Il Re di quaglie è tipico dei prati umidi anche di montagna e il Pollo sultano è presente solamente in Sardegna e Sicilia. 
I Rallidi sono dotati di zampe e dita molto lunghe che permettono loro di spostarsi in modo efficace tra le erbe palustri. Questi uccelli non presentano una spiccata propensione per il volo, preferendo correre al riparo nella vegetazione in caso di pericolo, hanno abitudini schive e raramente si mostrano in acque libere ad eccezione della gallinella d'acqua e della folaga, che spesso sostano allo scoperto.


Il Voltolino Porzana parva, è un migratore regolare poco comune in Italia e di difficile osservazione a causa delle sue abitudini schive. Questa specie nidifica nelle zone umide d’Europa, dalle regioni meridionali della Scandinavia fino alle coste settentrionali del Mediterraneo, oltre che in Asia centrale e occidentale. Sverna in Africa orientale, spingendosi a sud fino al Sudafrica.

Voltolino, settembre, Lago di Pusiano.

La Schiribilla Porzana parva, è regolarmente presente durante le migrazioni, con pochi individui. Condivide insieme al Voltolino le stesse abitudini uscendo raramente allo scoperto. Questa specie è distribuita durante il periodo della nidificazione prevalentemente nelle regioni comprese tra l'Europa orientale e la Siberia occidentale. L’areale di svernamento delle popolazioni del Paleartico occidentale si estende tra la costa mediterranea dell’Africa e le regioni subsahariane, raggiungendo ad Est le zone umide che si affacciano sul Golfo Persico.

Nonostante sia protetta in tutta Europa, l’andamento demografico di questa specie è negativo in molti paesi, soprattutto a causa della perdita o modificazione degli habitat di nidificazione. La Schiribilla infatti appare estremamente vulnerabile alla distruzione o al danneggiamento degli habitat occupati, ivi inclusi l’incendio e il taglio periodico dei fragmiteti.
Giovane di Schiribilla, settembre, Lago di Pusiano.

Il Porciglione Rallus aquaticus, è una specie elusiva, il suo piumaggio striato lo rende particolarmente difficile da avvistare nelle zone umide in cui vive. La sua presenza è segnalata dal verso caratteristico, una sorta di grugnito che l’uccello è solito emettere con frequenza, soprattutto all’alba e al tramonto.

Il nome comune del Porciglione deriva dal suo verso, simile a quello emesso da un maiale quando viene catturato o disturbato.


Il Porciglione vive nei canneti situati tra l' Europa occidentale e l'Asia centrale. È nidificante e svernante in Italia. Se un tempo questa specie era diffusa, ad oggi a causa della distruzione dei suoi habitat naturali, è in forte contrazione.
Porciglione, settembre, Lago di Pusiano.

La Gallinella d’acqua Gallinula chloropus è una specie comune. Questo uccello è presente in tutta Europa. In Italia è presente sia come nidificante che svernante.

Gallinella d'acqua, settembre, Lago di Pusiano.

La Folaga Fulica atra è una specie molto diffusa e tra gli uccelli acquatici è una delle più comuni. La Folaga è distribuita su un vasto territorio che comprende l'Europa centrale ed orientale, l'Africa settentrionale e la Siberia. È nidificante in Italia e nel corso dell’inverno la popolazione di questi uccelli aumenta in modo considerevole in seguito all’arrivo di contingenti provenienti dal nord Europa.

Folaga



Nessun commento:

Posta un commento